Pregiudizi

Antefatto. Il 4 settembre 2015, a Padova, in pieno centro, ci sono stati gravi episodi di violenza da parte di stranieri. Pochi giorni più tardi il Sindaco di Padova, Massimo Bitonci, emette un’ordinanza per imporre la chiusura alle 14.00 di un negozio di kebab che si trova nelle vicinanze del luogo delle violenze. Tutti gli altri negozi della zona restano aperti. Con un certo ritardo il titolare del negozio, un pakistano, deposita un ricorso al TAR.

Fatto. Prontamente, il 18 settembre 2015, il TAR del Veneto emette un’ordinanza sospensiva dell’efficacia del provvedimento del sindaco, in attesa che il Tribunale stesso possa esprimersi sul merito.

Cosa scrive il TAR?

«Ritenuto che sussistano nel caso di specie i presupposti normativi di pregiudizio estremamente grave e urgente che giustificano la sospensione dell’atto impugnato;
P.Q.M.
Accoglie l’istanza di misure cautelari monocratiche e fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 22 ottobre 2015.»

Cosa scrive il «Corriere del Veneto»?

«Tecnicamente, il tribunale amministrativo regionale, sottolineando l’esistenza di un “pregiudizio estremamente grave” nel provvedimento deciso dal primo cittadino, ha sospeso lo stesso fino al 22 ottobre prossimo».

È la stessa cosa che ha scritto il TAR? A mio parere non proprio, perché fa credere che il TAR sia intervenuto nel merito del provvedimento del sindaco, sostenendo che alla base ci fosse un pregiudizio. Il pregiudizio, in realtà, non è nel provvedimento del sindaco, ma è conseguenza del provvedimento del sindaco. Siccome nei giorni precedenti si era parlato di pregiudizio razziale da parte del dott. Bitonci, era facile che nascesse il malinteso. E in effetti l’equivoco è nato, con molti oppositori di Bitonci che, nei social network, immediatamente inneggiavano al riconoscimento del pregiudizio (razziale) da parte del TAR.

Ci si poteva, quindi, aspettare che, in assenza di una formulazione chiara, nascesse questo equivoco, causato dalla confusione tra due significati di pregiudizio (cito, con qualche taglio, dal Sabatini-Coletti):

1 Giudizio basato su opinioni precostituite e su stati d’animo irrazionali, anziché sull’esperienza e sulla conoscenza diretta
3 estens. Danno, detrimento

Per scongiurare l’equivoco, il giornalista poteva evitare la formulazione ambigua, e quanto meno inesatta, «esistenza di un “pregiudizio estremamente grave” nel provvedimento deciso dal primo cittadino».

I malevoli potrebbero dire che in realtà si voleva davvero indurre l’equivoco; oppure che anche il giornalista è caduto nel tranello causato dalla polisemia di pregiudizio. Ma non voglio neppure pensare né alla prima, né alla seconda di queste ipotesi.

 

Pregiudiziultima modifica: 2015-09-20T00:17:12+00:00da cortmic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *