Il prete, il signore e il prefetto

prefettura-caserta

Il fatto è noto, perché è stato narrato da tutti i giornali e perché il video che testimonia l’accaduto si trova facilmente in Internet: il prefetto di Napoli, Andrea De Martino, alle soglie della pensione, redarguisce aspramente e rabbiosamente il parroco di Caivano, don Maurizio Patriciello, impegnato nella lotta anti-camorra, soprattutto nella lotta contro i roghi di sostanze tossiche. Don … Continua a leggere

“La polizia dava esecuzione a un provvedimento della Corte d’Appello”

ministero

«Nella mattinata di mercoledì 10 ottobre veniva data esecuzione ad un provvedimento della Corte d’Appello – Sezione minori di Venezia che aveva disposto l’allontanamento del minore dall’ambiente materno, affidandolo in via esclusiva al padre con collocamento in una comunità». Con queste parole inizia un comunicato stampa emesso l’11 ottobre 2012 dalla questura di Padova. La questura doveva chiarire il suo … Continua a leggere

Inibizioni perditempo. Il lessico impossibile delle Ferrovie italiane

ferrovia

Criticare le schifezze linguistiche di Trenitalia non è un atto di generosità, lo ammetto. Sparare sulla Croce Rossa sarebbe, probabilmente, un atto meno ignobile per una sua intrinseca maggiore difficoltà. Però, continuo a ricevere numerosissime segnalazioni dell’irritante incapacità comunicativa di Trenitalia. Da tutte si ricava una netta impressione: quella che Trenitalia abbia sguinzagliato in tutta Italia dei valentissimi cacciatori di … Continua a leggere

Il sindaco e il velocipede

zanonato

Il mese scorso avevo postato un commento sull’uso inopportuno della parola velocipede in una comunicazione della Polizia municipale di Padova. Ora trovo in Facebook una fotografia che raffigura il sindaco della stessa città, Flavio Zanonato, in sella a un vero velocipede: E allora ho capito tutto! I poliziotti municipali non avevano usato, per marcare la loro distanza dai comuni mortali, … Continua a leggere

“Velocipede”. Ma perché?

velocipede

Padova, stazione ferroviaria. Nel sottoportico spicca una sequela di adesivi rossi del Comando della Polizia municipale: “Avviso di rimozione”, “Veicolo targa: velocipede“. Ma perché????? Naturalmente non mi chiedo perché c’è l’avviso di rimozione. Per questo la risposta è facile: perché alcune persone avevano lasciato la loro bicicletta in un posto in cui non dovevano. La Polizia municipale ha portato via … Continua a leggere

La riforma del lavoro scritta in burocratese o in politichese?

fornero

Giuseppe Patota, professore di Linguistica italiana all’Università di Siena e, tra l’altro, autore di numerosi volumi divulgativi sulla lingua italiana, si è occupato delle scelte linguistiche della ministra Fornero, quella che proponeva di mettere sul tavolo della trattativa una paccata di miliardi. Più recenemente ha scritto un commento sulla (scarsa) qualità linguistica del documento sulla riforma del lavoro pubblicato sul … Continua a leggere

“che” tuttofare e fuori posto

polizia_municipale

Soliti sobbalzi leggendo il giornale: Mi riferisco ancora una volta al “Mattino di Padova”. Non è l’unico giornale in cui si trovano svarioni, ma  è uno dei giornali che leggo e così mi balzano agli occhi errori che quasi certamente troverei anche in altri quotidiani, se li leggessi. Qual è il problema? È chiaro: la frase “anche in questo locale … Continua a leggere

“Codesto”: se non ne conosci il significato, non usarlo!

dimostrativi

Un comune della provincia di Palermo deve liquidare la fattura che la Telecom gli ha inviato per la linea telefonica temporanea attivata durante il periodo delle elezioni. Il capo-area, per motivare il pagamento, fa riferimento alla fattura “trasmessa a codesto ufficio“. Ma di quale ufficio si tratta?  Un bel problema. La determinazione (così si chiama la decisione assunta da un dirigente) … Continua a leggere