Quel libro dei Cinquestelle che non è un libro ed è scritto pure male

libro-5-stelle-indiceIl MoVimento Cinque Stelle (quello che mette le maiuscole all’interno delle parole) ha avuto un’idea veramente encomiabile: scrivere un libro nel quale esplicitare la sua idea di Europa, certamente diversa da quella celebrativa delle manifestazioni ufficiali di questi giorni.

Che bella cosa, ho pensato subito: anche se sono un europeista tuttora convinto, trovo che il sale della democrazia sia conoscere e discutere opinioni diverse dalla mia. Stavo accingendomi a scaricare il libro, quando ho letto questo trafiletto del «Fatto quotidiano», giornale che solitamente, si sa, guarda con simpatia al MoVimento Cinque Stelle:

fatto

Il M5S, in occasione delle celebrazioni del 60-mo anniversario dei ‘Trattati Europei’, ha incontrato la stampa italiana ed estera a Roma, per presentare il “Libro a 5 Stelle dei cittadini per l’Europa”, che racchiude le proposte di cambiamento che i pentastellati ritengono necessarie per il futuro dell’Unione. Giunti alle domande, un giornalista della stampa estera chiede a Di Maio: “Dov’è il libro? Perché io qui ho ricevuto solo 15 pagine. Se c’è, possiamo avere questo libro?”. Di Maio supera l’imbarazzo, rispondendo ad un’altra domanda posta dallo stesso giornalista. 

Più dettagliato un lettore che ha commentato l’articolo:

Ho scaricato e letto il “libro”.
– 2 pagine per la copertina (prima e quarta)
– 1 pagina lasciata bianca
– 1 pagina per l’indice
– 7 pagine per i titoli dei …ehm…”capitoli”
– 8 pagine con il testo dei capitoli, per di più riempite fino ad un terzo/metà.
Definirlo un libro è davvero imbarazzante. Ma è ancora più imbarazzante chi lo ritiene addirittura utile ed esauriente nell’affrontare le tematiche europee.
“anche 15 pagine possono dire molto”.
Il problema è che non sono 15 pagine …e non dicono nulla.

Va bene, mi sono detto. Non è un libro, è solo un documento. Ma possiamo anche chiamarlo «libro», tra virgolette, non c’è problema. Ci saranno solo dei principi generali. Ma ben vengano, ho pensato.

Poi ho letto, però, il commento su Facebook di Roberta D’Alessandro, professoressa di Linguistica all’Università di Utrecht:

Se uno studente mi presentasse una tesina scritta così gli direi che deve mettersi a studiare, MOLTO seriamente.
È uno stream of consciousness senza paragrafi, dove ogni frase introduce due o tre idee (confuse), spesso in contraddizione tra loro, a cui non si dà nessun seguito. Tutto buttato a caso. Nessuna coesione, nessuna organizzazione del discorso, nessuna profondità. Un susseguirsi di slogan in italiano stentato. Logica inesistente. Sintassi gravemente compromessa.

A questo punto, mi sono fatto l’idea che questo «libro» non possa dare un contributo serio e critico alla riflessione sull’Europa. Siccome sono masochista, l’ho però scaricato lo stesso e l’ho letto. Non ci ho messo tanto: sono 2102 parole, indice e titoli compresi, 14780 caratteri, insomma, più o meno, due articoli a piena pagina di un quotidiano.

Le osservazioni di Roberta D’Alessandro, alle quali si sono aggiunte quelle di alcuni commentatori, sono giustissime. Non le condivido tutte: qualcuna ha più a che fare con il piano delle opinioni che con la loro espressione. Ma quelle che mostrano la fragilità della scrittura a cinque stelle sono molte: le riporto qui, in genere riformulate con parole mie (ma le idee non sono originariamente mie, anche se le condivido in pieno: bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare):

Già l’inizio suona linguisticamente problematico.

libro-5-stelle-1

Se il mercato unico già non viene smantellato, ma viene riformato, tenendo conto delle esigenze dei cittadini, di che cosa dobbiamo discutere? Probabilmente, gli estensori volevano esprimere un proposito, un impegno, e volevano dire che il mercato unico non deve essere smantellato, ma riformato sì che lo deve essere. Insomma, volevano dire che il mercato unico «non va smantellato». Ma hanno sbagliato verbo.

 libro-5-stelle-2Nella frase «Le sostanze pericolose devono poter essere messe al bando quando vi siano valutazioni discordanti da parte della comunità scientifica» c’è un problemino semantico. Se è accertato che si tratta di sostanze pericolose (e se dico le sostanze pericolose questo dico: che so per certo che sono pericolose), vanno messe al bando, non possono semplicemente essere essere messe eventualmente al bando. Ma se sono solo potenzialmente pericolose, se c’è solo il sospetto che siano pericolose, allora posso anche pensare che, per precauzione, vadano comunque messe al bando: ma non posso chiamarle sostanze pericolose. E poi c’è anche un problemino sintattico: chi ha scritto «in assenza di studi pubblicati e riconosciuti a livello internazionale, che garantiscano la salubrità per la salute umana e l’ambiente», non ha detto di cosa gli studi devono garantire la salubrità. Evidentemente, questi distrattoni si sono scordati un ne.

Ma la distrazione degli estensori è altissima. Mi sapete dire cosa significa questa frase?

libro-5-stelle-3

Cosa significa il Made-In (e basta)? Ogni cosa è un made in qualche parte del mondo!

E mi sapete dire, anche, cosa significa condizionalità in questo contesto?

libro-5-stelle-6

Ho trovato la parola in rete, ma con significati che non risultano adatti alla frase scritta nel nostro «libro».

Ma la maggiore disfunzione linguistica si nota in questa frase, nella quale l’estensore s’incarta nel gioco delle doppie negazioni:

libro-5-stelle-5

«Siamo contrari alla creazione di un esercito europeo che non abbia, come esclusiva finalità, l’impiego in missioni di peacekeeping, senza che diventi strumento di operazioni militari», cioè, alla lettera, «siamo contrari alla creazione di un esercito europeo … se non diventa anche strumento di operazioni militari». È chiaro che gli estensori volevano scrivere esattamente il contrario. Ma hanno scritto quello che ho cercato di parafrasare.

palombella_rossaIn Facebook c’è chi ha individuato in questo documento una bellissima raccolta di «supercazzole», cioè di stupidaggini totalmente prive di senso. Il riferimento è, naturalmente, al film Amici miei. Il mio riferimento cinematografico primario, invece, resta Palombella rossa, con l’esclamazione desolata di Nanni Moretti «Come parla! Come parla! Le parole sono importanti. Come parla!». Con un’aggravante: nel testo che ho commentato non si tratta di parlare, ma di scrivere, un’operazione che permette, ma anche richiede, maggiore riflessione e maggiore esattezza.

So già che i sostenitori del moVimento Cinque stelle obietteranno che io, e gli altri critici, ci siamo appigliati a fatti formali. Ma non è una questione di formalità: come faccio a confrontarmi con le posizioni di una parte politica che non sa spiegarle, scrive il contrario di quello che pensa, scrive parole incomprensibili, si dimentica pezzi di frase? Solo con un atto di fede, cioè fidandomi, come mi suggerirebbe il garante, Beppe Grillo.

No, io non mi fido di nessuno, a priori. E men che meno mi fido di chi presenta un’accozzaglia di note a caso e le chiama libro. Anche queste ultime parole non sono mie, ma le sottoscrivo in pieno.

Quel libro dei Cinquestelle che non è un libro ed è scritto pure maleultima modifica: 2017-03-26T16:04:43+00:00da cortmic
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Quel libro dei Cinquestelle che non è un libro ed è scritto pure male

  1. La prossima volta si faranno dare una mano dal Ministro Madia; lei che con le stesure originali ci sa fare !

I commenti sono chiusi.