Chi sono

DSC02090.jpgSono un professore. Mi chiamo Michele Cortelazzo e insegno Linguistica italiana all’Università di Padova (e anche all’Università di Fiume). Mi occupo soprattutto di italiano contemporaneo.

Ho una pagina web (www.cortmic.eu), nella quale trovate maggiori informazioni su di me.

Ho anche un profilo facebook. Ma soprattutto, in facebook, ho una pagina, che si chiama come il titolo di un mio libro, Sentieri della lingua, nella quale cerco di linkare il maggior numero di pagine web che affrontano problemi linguistici di attualità.

Chi sonoultima modifica: 2013-11-30T22:53:16+00:00da cortmic

Un pensiero su “Chi sono

  1. Chiarissimo Prof. Cortelazzo, le scrivo in merito al tanto dibattuto etimo sul termine “ombra” riferito al bicchiere di vino in veneto ed in altre aree del nord Italia. Credo di avere una soluzione per nulla trascurabile e che, anzi, potrebbe porre fine all’annosa disputa.
    Ombra originariamente si sarebbe potuto riferire solo al vino scuro, detto appunto rosso o nero, a seconda dei casi, insomma al vino color mora.
    Dal latino MORUM (= mora)> *omrum(metatesi di mo in om) >*ombrum (epentesi di labiale nel nesso mr)> ombra

    Non è un caso che lei nel suo articolo sul sito citi l’origine appula del vino scuro, prima sconosciuto ai veneti,e -guarda caso- nel dialetto antico pugliese la mora, intesa come frutto del rovo selvatico, è chiamata “umbra”, in base allo stesso processo etimologico linguistico che le ho riportato.
    Spero di averle fatto cosa gradita con questa mia segnalazione e la saluto cordialmente e con massima stima.
    Antonio Bronzini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*