Maria Elena Boschi non è Concetto Marchesi

costituzione

Su «Italia oggi» del 20 aprile 2016, Marino Longoni ha pubblicato un articolo intitolato: L’art. 70 della Carta diventerà un mostro, il cui succo è ben espresso nelle prime righe: «Oggi l’articolo 70 della Costituzione è composto di 9 parole: «La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere». Se la riforma costituzionale Boschi dovesse entrare in vigore, lo stesso … Continua a leggere

L’italiano della giustizia vaticana

corte_appello

Non commento il modo con cui la giustizia dello Stato del Vaticano tutela il diritto a difendersi dei cittadini che vengono sottoposti a giudizio. Le recenti vicende della prima udienza del processo contro, tra gli altri, i giornalisti Nuzzi e Fittipaldi, lasciano veramente sconcertati quanti vivono in uno stato di diritto, per gli ostacoli che gli accusati hanno per accedere … Continua a leggere

Una lingua straniera appresa nelle scuole di giurisprudenza

messina

«Lo so che la pregressa sussistenza  è un’espressione orribile. Molte di quelle che usiamo noi avvocati lo sono. Io cerco di limitarmi, ma spesso è inevitabile. Ci sono giudici – o colleghi – con i quali non puoi evitare di parlare in modo orribile. Se in un’arringa o una requisitoria parli in italiano corretto, non ti riconoscono come uno del … Continua a leggere

Ma come scrive questo giudice?

tribunale

Ho letto con un certo stupore, nel «Corriere del Veneto», gli atti della Procura della Repubblica di Venezia e, soprattutto, del Giudice per le indagini preliminari relativi alla posizione del sindaco dimissionario di Venezia, Giorgio Orsoni. Non parlo, qui, dei contenuti di questi atti, che svelano l’andazzo che tuttora governa il finanziamento delle campagne elettorali. Parlo della scrittura di questi … Continua a leggere

Dono natalizio a giuristi, legislatori, magistrati, avvocati

scialoja2

Federigo Bambi, storico del diritto dell’Università di Firenze, con spiccati interessi linguistici, ha scovato una bella citazione degli inizi del Novecento. L’ha inserita nel suo articolo La chiarezza della lingua del diritto, pubblicato nei «Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno» (XLII, 2013, pp, 191-200). Eccola: «ma scriviamo dei libri prima di tutto in una lingua tale che si … Continua a leggere

“Italia paese di merda” e italiano degli ermellini

giustizia

«Nessuno studio per ora lo ha certificato con precisione scientifica, ma probabilmente non si sbaglia se si ritiene che con la crisi e il suo corredo collettivo di stress e infelicità, le imprecazioni siano aumentate in modo esponenziale. Ebbene, si faccia attenzione alle parole usate per prendersela con i disservizi, i vincoli, le tasse, le code e la scarsezza di … Continua a leggere

L’Ispettorato del lavoro di Cremona si adegua immediatamente al nuovo Codice del pubblico dipendente

burocrati2

«Un piccolo artigiano di Roncadello viene multato di 5.200 euro dall’Ispettorato del Lavoro perché, nel corso di un ‘blitz’ di due ispettrici nel suo laboratorio (era il 16 aprile), è emerso che nel raccoglitore del piano dei rischi mancava l’informazione stabilita dall’articolo 36 sulle lavoratrici in età fertile. In pratica l’unica dipendente donna, oltretutto figlia del titolare — e già … Continua a leggere

La falsa coscienza linguistica di avvocati e magistrati

enciclopedia.diritto

Un collega filosofo ha da poco postato questo messaggio, in Twitter e in Facebook: Eh sì: l’oratoria di avvocati e pubblici ministeri è quella che è (come dimenticare il profondo ritratto etnico-psicologico di Karima El Mahroug, nota come Ruby Rubacuori, fatta dalla PM milanese Ilda Bocassini, che ha definito così la ragazza marocchina: «Persona intelligente, furba, di quella furbizia proprio … Continua a leggere

Più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso

Un ascoltatore della trasmissione La lingua batte ha riportato una parte del capo d’accusa contro Luigi Preiti, l’uomo che il 28 aprile ha sparato contro due carabinieri in servizio davanti a Palazzo Chigi:   e lo ha così commentato: “Comprendo che il linguaggio giuridico ha un suo perché, ma non capisco come mai non si riescano a fare degli sforzi … Continua a leggere